Questo sito utilizza i cookie

Su questo sito utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per cosa li usiamo?
Per permetterti di utilizzare alcune funzionalità del sito, per raccogliere dati statistici anonimi e per fini di marketing. La scelta rimane tua.

Mostra dettagli
Preferenze Cookie
Necessario

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

Vedi la lista completa
Statistiche

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima, escludendoli dal consenso dell'utente.

Vedi la lista completa
Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

Vedi la lista completa

L'EPIFANIA E LA TRADIZIONE DELLA PASQUELLA

Bellaria Igea Marina


dal 01 Gen 2021 al 06 Gen 2021

L'Epifania (La Pifanì, in dialetto) ha sempre esercitato un fascino particolare sui bambini, anche tanti anni fa, quando nella calza si accontentavano di trovare mandarini, fichi secchi, datteri, qualche caramella o cioccolatino.

Si appendeva la calza al camino, la sera del 5 gennaio e si aspettava la vecchia "sdentata" che avrebbe portato i doni. Al mattino il primo pensiero era per la calza e, anche nelle case più povere, qualcosa c'era sempre.

La sera precedente il giorno dell'Epifania vigeva la tradizione del canto della "Pasquella".
Gruppi di giovani e ragazzi, truccati alla meglio, armati di fisarmonica ed organino giravano per le case del paese, augurando "Buona Pasqua e Pifanìa. 

Iniziavano chiedendo di poter entrare in casa perchè fuori faceva freddo, per poi dedicare una strofa alla padrona di casa, alla figlia e a tutti i componenti della famiglia. In cambio ricevevano doni in natura e un bicchiere di vino non mancava mai.

La "questua" terminava in casa di qualcuno più ospitale degli altri per una grande abbuffata con relativa grande bevuta. Risultato: diversi ubriachi dovevano essere accompagnati a casa per smaltire la sbornia (la gàta).

I "Pasquaroli" cantavano canzoni popolari: La Pasquela, Bèla Burdèla, A sém di rumagnùl e altre.


Alcune strofe de "La Pasquela"

Oi dlà càesa arvòi la pòrta
che adfùra uiè la mòrta
e ad caèsa l'allegria
buona Pasqua, Epifania

(Oi della casa aprite la porta, che di fuori c'è la morte ed in casa c'è l'allegria, buona Pasqua, Epifania)

Riveriamo lor signori
con i canti e con i cori
vi portiamo la novella che 
domani è la pasquella

Siam venuti da lontano
per portare l'allegria
siam passati monti e piani
per festeggiare l'Epifania
vi portiamo la novella 
che domani è la pasquella

La pasquèla di purét
du scarpégn e du radéc
e dò ovi tla padéla
viva viva la pasquèla 

(La pasquella dei poveri, due erbe con due radicchi e due uova nella padella, viva viva la pasquella)



[tratto da "Vacanze a Bellaria Igea Marina" di Arnaldo Gobbi]


 


Richiedi informazioni

L'EPIFANIA E LA TRADIZIONE DELLA PASQUELLA


Fondazione Verdeblu
Via Panzini, 80
47814 Bellaria Igea Marina (RN)

telefono +39 0541 346808
info@fondazioneverdeblu.org

Facebook Bellaria Igea Marina

 



Bellaria Igea Marina


Visualizza tutti
Gastronomia
Trattoria / Osteria
Ristorante / Pizzeria
Fino a € 20
Da € 20 a € 40
Più di € 40
Bar / Gelateria
Pub
Enoteca



Visualizza tutti
Servizi
Negozi



Visualizza tutti